Archivi e biblioteche digitali della modernità letteraria italiana

Scheda

Livello di descrizioneBanca dati
Titoloparlamento
Data1941.01.11
Consistenza1 cc.
ContenutoQuando, verso il 1892, tentativi sapienti e ingegnosi si concentrarono nello spettacolo che da allora prese il nome di cinematografo, nessuno poteva immaginarsi il valore civile e quindi pubblicod`una tale novità artistica e industriale. Ma anche l`Italia non indugiò ad accettarla e poi mirabilmente attuarla: è infatti del 1895 la richiesta che Filoteo Alberini fece d`un brevetto cinematografico per una sua macchina da presa, stampa e proiezione di pellicole.
FonteSenato del Regno. Leg. XXX
Nomi NormalizzatiAlberini, Filoteo