Archivi e biblioteche digitali della modernità letteraria italiana

Scheda

Livello di descrizioneFondo
Data24 luglio 1912 - 5 gennaio 1959
TitoloLuciano Folgore
Data Originale
ConsistenzaBU 2 (contenenti fascc. 61) per un totale di L108, C39, B2, docc. 2 allegati (1 ritaglio stampa e 1 modulo, in bianco, per abbonamento periodico) e buste postali 59
Note DatazioneCon docc. s.d. e con lacune per gli anni Trenta-Cinquanta del Novecento
ContenutoLa documentazione, composta quasi esclusivamente da corrispondenza, relativa specie agli anni Venti del Novecento, testimonia il ruolo, nonché l’impatto e l’incidenza, della produzione di Luciano Folgore nell’ambito culturale e letterario italiano (in prevalenza romano, milanese e napoletano) e internazionale (sopratutto francese, spagnolo e tedesco) durante il periodo che vide protagonisti il movimento futurista e le avanguardie; testimonia, altresì, il suo “reticolo” relazionale con personalità della cultura e con gli ambienti delle riviste letterarie e d’arte, italiane e straniere. Consente anche di “catturare”, di riflesso, elementi sui contrasti interni dell’ambiente culturale e letterario italiano e fornisce squarci sulla sfera prettamente personale dei corrispondenti di Folgore, fatta anche di dolori e sconfitte (professionali e private).
NomiBernardini Napoletano, Francesca
De Marco, Gabriella
De Robertis, Giuseppe
Folgore, Luciano
Manacorda, Giuliano
Meriano, Francesco
Prezzolini, Giuseppe
Raso, Maurizio
Ravegnani, Giuseppe
Salaris, Claudia
Scalzi, Valentina
Severini, Gino
Soffici, Ardengo
Ungaretti, Giuseppe
LuoghiCalifornia
Fiesole
Firenze
Los Angeles
Lugano
Rovereto
Trento
Requisiti ConsultazioneSono ammessi alla consultazione: i professori e i ricercatori delle università italiane e straniere, muniti di documento di riconoscimento; gli studiosi di chiara fama, muniti di documento di riconoscimento; studenti e altri ricercatori muniti di lettera di presentazione di un ente di ricerca e di documento di riconoscimento.
La lettera di presentazione, su carta intestata dell'ente, deve contenere i dati relativi allo studioso e le finalità per le quali si chiede la consultazione.